Queering Sociologia - La giornata Mondiale 2019 contro l'Omo-Bi-Trans-Fobia al Dipartimento di Scienze Sociali di Napoli

 Il 15 maggio 2019 dalle ore 9.00 alle ore 14.00 si svolgerà, come ogni anno l'evento celebrativo della Giornata Mondiale 2019 contro l'OmoBiTransFobia al Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università Federico II di Napoli, con stand, manifesti ed attività di sensibilizzazione.

Clicca qui per andare alla pagina Facebook dell'evento

Seminario Permanente dei Saperi Arcobaleno - Quadrare il cerchio. Trans-connessioni tra Ricerca sociale e Comunità LGBT+

Il 9 maggio 2019 l'Osservatorio LGBT organizza - nell'ambito del Seminario Permanente dei Saperi Arcobaleno e della settimana dedicata al contrasto all'omotransfobia - una Tavola Rotonda con la comunità di attiviste/i sul rapporto tra ricerca  scientifica e comunità lgbt italiana, dal titolo Quadrare il cerchio. Trans-connessioni tra Ricerca sociale e Comunità LGBT+

Sarà comunque possibile anche  attraverso il live che verrà trasmesso sulla pagina Facebook dell'Osservatorio LGBT.

I delegati delle associazioni, nella misura di un delegato per associazione, possono partecipare in videoconferenza utilizzando l'ID Skype dell'Osservatorio LGBT previo accreditamento alla mail osservatoriolgbt @ unina.it

Per scaricare il pdf della call for participation clicca qui, per leggerla on line clicca sul pulsante "Leggi tutto"

Leggi tutto...

Seminario Permanente dei Saperi Arcobaleno. Convegno «Trent'anni dei movimenti LGBT nell'area post-jugoslava: battaglie, diritti, europeizzazione»

Loncandina della Giornata di studi del 9 maggio 2019 con Frank Dota e la Tavola Rotonda con la comunità LGBTSEMINARIO PERMANENTE DEI SAPERI ARCOBALENO

Trent'anni dei movimenti LGBT  nell'area postjugoslava: battaglie, diritti, europeizzazione

Dipartimento di Scienze Sociali - Università degli studi di Napoli Federico II Aula Ovale
Vico Monte della Pietà 1 80138 Napoli

Introduce e modera
Fabio Corbisiero
Coordinatore dell’Osservatorio LGBT

Keynote speaker
Franko Dota
Università di Rijeka

Discussants
Elisabetta Bini
Dipartimento di Scienze Umane

Simone Bellezza
Dipartimento di Scienze Sociali

 Clicca sulla locandina per scaricare il PDF.

Per vedere l'immagine ingrandita clicca qui.

Nonostante siano spesso trascurati nelle grandi narrazioni storiche sulle battaglie LGBT nel panorama europeo, i paesi formatisi dopo la dissoluzione della Jugoslavia socialista possono "vantarsi" di due primi posti simbolici, con risvolti nello stesso tempo negativi e positivi. Nel 2013 in Croazia si è tenuto il primo referendum costituzionale per il divieto preventivo dei matrimoni tra le coppie dello stesso sesso in un Paese europeo. Lo scorso febbraio in Serbia Ana Brnabić è diventata la prima premier lesbica al mondo a divenire genitore mentre in carica. Paradossalmente, il "referendum anti-gay" croato ha avuto come conseguenza l'approvazione di una legge che riconosce le coppie gay e lesbiche, molto simile al matrimonio, e scritta con la partecipazione delle organizzazioni LGBT. In Serbia, invece, il governo non mostra alcuna intenzione di legiferare in questa materia e la stessa premier ha dichiarato che la società serba non è ancora pronta e che devono prima essere risolte altre questioni cruciali per il futuro del Paese.

Leggi tutto...

“OSSERVATORIO LGBT” esprime preoccupazione e indignazione sul metodo di coinvolgimento al “World Congress of Families” che esclude le famiglie LGBT+

COMUNICATO STAMPA. L’Osservatorio LGBT - piattaforma scientifica del Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II composta da docenti, ricercatrici, ricercatori universitari, afferenti a Università italiane e internazionali specializzat* negli studi di genere e delle identità sessuali – esprime preoccupazione e indignazione per il XIII World Congress of Families, che si terrà a Verona dal 29 al 31 marzo per escludere dal concetto di famiglia le unioni caratterizzate da coppie dello stesso sesso, con o senza figli. Riteniamo molto grave il sostegno istituzionale al Congresso, con la concessione del logo della Repubblica Italiana, nonché la presenza del Ministro dell’Interno Matteo Salvini, quello della famiglia e della disabilità Lorenzo Fontana e finanche del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti.

Leggi tutto...

L'Osservatorio LGBT contro il World Congress of Families insieme a GIFTS Rete di studi di Genere, Intersex, Femministi, Transfemministi e sulla Sessualità

L'Osservatorio LGBT entra a far parte della rete GIFTS - Rete di studi di Genere, Intersex, Femministi, Transfemministi e sulla Sessualità e prende posizione per la presenza delle istituzioni al World Congress of Families.

(clicca sull'immagine per vederla ingrandita)

Il comunicato stampa della rete GIFTS:

GIFTS – Rete di studi di Genere, Intersex, Femministi, Transfemministi e sulla Sessualità prende posizione contro il World Congress of Families ed esprime preoccupazione e indignazione per la presenza del Ministro Bussetti.

GIFTS – Rete di studi di Genere, Intersex, Femministi, Transfemministi e sulla Sessualità è composta da oltre duecento ricercatrici, ricercatori indipendenti euniversitari, afferenti a centri di ricerca, associazioni, programmi e corsi di studio, riviste e laboratori specializzati nei saperi che la definiscono. Riunitasi a Bari il 22 e 23 marzo 2019 in occasione del convegno “Studiare il genere e la sessualità nell’università italiana”, essa esprime preoccupazione e indignazione per il tredicesimo World Congress of Families, che si terrà a Verona dal 29 al 31 marzo.

GIFTS Rete di studi di Genere, Intersex, Femministi, Transfemministi e sulla Sessualità Assieme alle politiche securitarie e razziste contro le persone migranti, le istanze cosiddette “prolife” e “pro-family” a cui è dedicato il tredicesimo World Congress of Families sono gli strumenti con cui oggi le forze sovraniste, populiste e nazionaliste stanno costruendo un fronte illiberale che, tra le altre cose, minaccia la libertà di ricerca e insegnamento: indicativo, a questo proposito, è l’esempio dell’Ungheria di Viktor Orbán, che nel 2017 ha ospitato l’undicesima edizione del World Congress of Families e nel 2018 ha tolto fondi e accreditamento ai master universitari in Studi di genere presenti nel Paese.

Leggi tutto...